Archivio post

Poesia da spiaggia, Sicilia

D'un tratto, mi giunse all'orecchio il nome del bambino la cui mamma sicula strillava a centro spiaggia: CHEVIN.
Si. Chevin.

E poi, le strade con le buche, i paesi diroccati, i cani randagi e le case mai terminate.
La bellezza di quest'isola con "il vulcano buono".

Ma perché "Chevin", mi dissi.
Forse perché la sorellina si chiamava SamanDa?

L'universo giocava con me, conclusi.

Mi voltai e continuai a vivere come se nulla fosse.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Abbiamo 77 visitatori e nessun utente online

Login

Register

You need to enable user registration from User Manager/Options in the backend of Joomla before this module will activate.