SEO Blog
Write a comment

SEO su Youtube.

 

ottimizzazione SEO su Youtube

 

Guida SEO di YouTube: suggerimenti e strumenti per posizionare i tuoi video

YouTube è il secondo motore di ricerca più importante al mondo ed il numero uno per i video.
Per questo motivo, la SEO su Youtube riveste un ruolo di importanza primaria.

YouTube è più popolare tra gli utenti con meno di 35 anni, ma solo di poco.
Il 73% degli americani dai 36 ai 45 anni usa YouTube, insieme al 70% di quelli dai 46 ai 55 anni e al 67% di quelli dai 56 anni in su.

Percentuali demografiche uso di Youtube.

 

Fonte: https://www.statista.com/statistics/296227/us-youtube-reach-age-gender


YouTube è di proprietà di Google, il che significa che i suoi video appaiono tra i risultati di ricerca più spesso rispetto a quelli di altra fonte e per alcune query, i risultati organici hanno priorità.

Queste query generalmente sono:

  • istruzioni e tutorial (Come fare per...)
  • recensioni e video unboxing (iPhone 12)
  • video divertenti (animali divertenti, stand-up comedians)
  • sport e formazione (power yoga, allenamento a casa)

 

La maggior parte di queste query sono soddisfatte al meglio grazie a contenuti visivi, quindi, se vuoi posizionarti per questi tipi di ricerche, devi rendere i video parte della tua strategia di visibilità.

Ecco le migliori pratiche SEO per ottimizzare i tuoi video per la ricerca.


Quali sono i fattori di ranking di YouTube?

Dal momento che YouTube opera come un motore di ricerca, devi essere consapevole di quali fattori ti aiuteranno a classificare i video nelle SERP di Google.

 

Visualizzazioni

Una visualizzazione viene contata se un utente ha guardato almeno 30 secondi di un video.
Sono conteggiate più visualizzazioni ripetute, tuttavia, più visualizzazioni al giorno dallo stesso utente potrebbero essere trattate come spam e non aggiunte al computo totale.
Queste precauzioni (e chissà quali altre) impediscono agli spam bot di manomettere le statistiche di visualizzazione.

Curiosità: il business di YouTube è commerciare visualizzazioni.
Youtube acquista visualizzazioni dai creatori di video e le vende agli inserzionisti.
Ecco perché le visualizzazioni sono tutto per Youtube.
Questo è anche il motivo per cui YouTube è così attento al conteggio: non vuole pagare i falsi.

 

Iscritti

Gli iscritti sono account di persone reali che seguono il tuo canale. Gli account chiusi e gli iscritti che Youtube ha classificato come spam (quelli che potresti aver guadagnato artificialmente attraverso servizi di terze parti) non sono conteggiati dagli algoritmi di YouTube.

 

Fidelizzazione del pubblico

La fidelizzazione del pubblico mostra quante persone guardano i tuoi video fino alla fine, ma anche quando e in quale punto interrompono.
Questo fattore YouTube lo considera ancora più importante dei clic e delle visualizzazioni: il tuo obiettivo è quello di creare video che gli utenti vogliono continuare a guardare sino alla fine.

 

Coinvolgimento

Il tuo video deve essere commentato, gli spettatori devono rispondere ai commenti e devi attirare nuovi iscritti dopo la pubblicazione di un nuovo video.
Più attività hanno i tuoi video, maggiori sono le possibilità di essere posizionato in alto dal motore di ricerca.

 

Qualità dei video

I video ad alta risoluzione sono apprezzati sia dall'AI di YouTube che dal tuo pubblico.
Tenendo a mente ciò, puoi pensare di passare al formato HD: molteplici studi dimostrano che video di qualità ottengono posizioni più alte.

 

Autorità del canale

YouTube offre potenti possibilità di monetizzazione ma richiede continue analisi.
Quando il tuo canale raggiunge cifre importanti, di solito oltre i 100.000 iscritti, puoi chiedere il badge di verifica e renderlo fonte ufficiale.

 

Pertinenza

Il modo migliore per posizionare i tuoi video su YouTube è quello di farli corrispondere a query pertinenti.
Analizza ciò che il tuo pubblico cerca e che è di tendenza.

Arriviamo quindi al punto:

 

Come ottimizzare i tuoi video per l'algoritmo di ricerca di YouTube?


1. Fai la ricerca delle parole chiave

Inizia con la ricerca delle parole chiave; fatti un'idea di ciò che interessa al tuo pubblico di riferimento e come si riferisce a queste informazioni durante la ricerca.

 

Usa YouTube Search Suggest

Hai due opzioni per trovare idee per le parole chiave dei video tramite l'aiuto del completamento automatico:

Recupera le parole chiave manualmente dalla barra di ricerca.
Inizia a digitare le query per vedere i suggerimenti nell'elenco a discesa.

Questi risultati sono ottimi perché sono ciò che gli utenti digitano quando cercano un video.
Questo metodo però non è il migliore perché impiegheresti troppo tempo per verificare ogni tua singola parola chiave.

Io uso Rank Tracker: vai su Keyword Research ---> Autocomplete Tools, seleziona YouTube Autocomplete, e digita le frasi delle tue parole chiave proprio come faresti su YouTube.
Il software ti mostrerà l'elenco delle query più popolari nel completamento automatico.

 

Ricerca parole chiave da Youtube con Rank Tracker.

 

Comodità della ricerca di più query su Youtube.

In questo modo puoi controllare tutte le parole chiave di cui necessiti in una volta sola.
Il software salva automaticamente i risultati in una tabella e non è necessario scriverli come faresti manualmente con YouTube Search Suggest.

Rank Tracker raccoglie anche le statistiche di ricerca di Google, permettendoti di confrontare le parole chiave in termini di volume di ricerca mensile, concorrenza e difficoltà, e valutare il potenziale.

 

Trova parole chiave video su Google

Poiché YouTube è limitato nella ricerca di parole chiave, è buona idea cercare le correlate su Google.
Le parole chiave che trovi su YouTube e su Google non sono intercambiabili al 100%, ma c'è una certa sovrapposizione in termini di query popolari.

Per concludere, puoi analizzare quali query evocano un risultato video nelle ricerche.
Le parole chiave contrassegnate con l'icona del video sono quelle a cui dovresti dare la priorità per i tuoi contenuti su YouTube:

 

Risultati dei video Youtube tra le serp.

 

Risultati Youtube tra le serp.

 

In questo modo puoi controllare tutte le parole chiave di cui necessiti in una volta sola. 

Nota: se Google non suggerisce video per una certa parola chiave, valuta la creazione di un articolo.
È meglio un buon articolo che un video ignorato dai sistemi di ricerca e, di conseguenza, dal tuo pubblico target.

 

Controlla i risultati dei video in Google Trends

Google Trends è ottimo quando hai già un elenco di idee di parole chiave e hai bisogno di confrontarle per scegliere le più popolari.
Per lanciare la sua funzione di ricerca su YouTube, apri Google Trends ---> inserisci la query ---> clicca su ricerca ---> seleziona ricerca web ---> scegli la ricerca su YouTube.

Filtra per popolarità delle parole chiave, per query correlate come Video top (con il maggior traffico di ricerca) e In aumento.
Ricorda che il numero che leggi non è un volume di ricerca ma un punteggio che va da 0 a 100.

 

Risultati su Google Trends.

Risultati Youtube su Google Trends.


2. Aggiungere i metadati al video

I metadati sono tutte le informazioni testuali e visive che descrivono il video agli utenti e ai motori di ricerca.
Gli algoritmi di YouTube possono ora riconoscere gli oggetti nei video e capire il contenuto, il che significa che i metadati non sono più così importanti come una volta.
Tuttavia, i metadati impediscono agli algoritmi di interpretare male i contenuti e fanno in modo che il tuo video sia classificato correttamente.

I metadati sono anche ciò che gli utenti vedono per primi quando trovano il tuo video. Gestiscili in modo da rendere attraente, pertinente e cliccabile il contenuto.

 

Metadati su Youtube.

Metadati su Youtube.

 

Nota: le prime 48 ore di vita del tuo video sono cruciali.
Non pubblicare un video pensando di ottimizzare i metadati più avanti nel tempo.
È difficilissimo correggere un errore una volta che l'algoritmo ha contrassegnato il tuo video come problematico.

 

Usa parole chiave nel titolo

Il titolo di un video riflette l'argomento, quindi deve includere le parole chiave che vuoi posizionare.
Secondo una ricerca condotta da Backlinko, i video con una parola chiave esatta nel titolo si classificano meglio.

Se vuoi che il tuo video sia classificato da Google così come da YouTube, assicurati che si adatti al limite di 60 caratteri per evitare di essere tagliato fuori nelle SERP.
Non esagerare, evita il clickbaiting e il TUTTO MAIUSCOLO.

I titoli possono essere tradotti per far visualizzare i tuoi video ad una maggiore varietà di utenti nella loro lingua madre.
Leggi la guida di YouTube per impostare le traduzioni.

 

Usa parole chiave nella descrizione

Una descrizione ottimizzata aiuta gli spettatori a trovare i tuoi video attraverso la ricerca.
Fai suonare le descrizioni come pronunciate da un essere umano, non dimenticare di aggiungere una call-to-action, e cerca di usare le parole chiave correlate all'inizio.

Anche se YouTube permette descrizioni lunghe fino a 5.000 caratteri, non significa che dovrai necessariamente occupare tutto lo spazio. Contrariamente all'opinione popolare, la lunghezza del contenuto non influenza il posizionamento.
Non gonfiare le descrizioni dei tuoi video: se una frase va bene, lasciala com'è.

Ricorda che appariranno nei risultati di ricerca solo due o tre righe della descrizione.

Sotto il pulsante Show more, puoi nascondere tutte le tue informazioni tecniche in ottica marketing, come i link al tuo sito web, ai social media e alle playlist dei video correlati che hai creato.

Aggiungi alcuni #hashtag pertinenti alla descrizione: a differenza delle parole chiave nei titoli, gli hashtag possono essere parole chiave ad ampia corrispondenza e associazioni generali.
Usa sempre un tuo hashtag personalizzato e che sia unico e correlato al nome brand.
Non aggiungere più di tre o quattro hashtag e non usarne inesistenti.

Nota: le descrizioni possono essere tradotte come i titoli. La guida di YouTube spiega come impostare la traduzione automatica.

 

Crea miniature accattivanti

Una miniatura è ciò che cattura per prima l'occhio dello spettatore durante lo scroll, permette di capire il contenuto del tuo video e persuade a cliccare. YouTube può generare una selezione di miniature estraendole dal tuo video ma ti consiglio di caricare qualcosa di personalizzato.
Secondo il rapporto di Creator Academy, il 90% dei video più performanti su YouTube hanno miniature personalizzate.

In termini tecnici, la pratica migliore è quella di caricare un'immagine che sia:

  • 1280x720 pixel
  • rapporto 16:9
  • < 2 MB
  • formato .jpg, .gif, .bmp, o .png

 

Ecco un ottimo esempio di thumbnail.

Miniatura su Youtube per creare un anteprima cliccabile.

 

Miniatura su Youtube per creare un anteprima attraente.

Questa miniatura è una buona scelta, perché include una persona e un testo che occupa circa il 30% dell'immagine, il che la rende più viva e informativa.
Questa immagine sembra fatta in modo professionale, il che aumenta la credibilità.

Nota: il caricamento di una miniatura personalizzata è disponibile solo per gli account YouTube verificati.
Segui le istruzioni per verificare il tuo account di YouTube.

 

Ottimizza i tuoi tag

YouTube afferma che i tag diventano utili quando le parole chiave principali sono scritte male.
YouTube non limita il numero di tag, ma tu cerca di non farne un uso eccessivo: 5 o 6 tag sono sufficienti.
Assicurati che i tag dei tuoi video siano rilevanti e ricorda che non sono hashtag.

I SEO di YouTube credono che i tag funzionino in modo simile alle parole chiave, quindi cercano di copiarli da altri video di successo.
Il problema è che i tag non sono visibili agli utenti.
Per vedere i TAG su Youtube puoi ricorrere ad alcuni trucchi SEO, come usare l'estensione per Chrome VidIQ Vision for YouTube che consente di leggere quelli dei concorrenti e poter studiare altri dettagli:

Analisi TAG di Youtube con l'estensione VidIQ.

 

Analisi TAG con l'estensione "VidIQ Vision for YouTube"

 

Sottotitoli

I sottotitoli, o CC, rendono molto più facile a Google analizzare il contenuto del tuo video - l'intelligenza artificiale riconosce meglio il testo rispetto all'audio.
Google può suggerire i sottotitoli generati dall'intelligenza artificiale per il tuo video, ma ti consiglio di crearli manualmente.
In questo modo eviterai errori di ortografia dovuti alla scarsa qualità dell'audio.

Usa le parole chiave nei sottotitoli per far sì che il tuo video sia classificato nella ricerca.
I sottotitoli appaiono come rappresentazione testuale di un video, quindi assicurati di includere parole chiave rilevanti lungo tutto il tuo script.
Non fare keystuff. Metti più parole chiave differenti piuttosto che una ripetuta.

Se il tuo video è diviso in più parti, usa le parole chiave per marcare le transizioni.
Per esempio, se stai facendo un video sull'assemblaggio di un computer, puoi scrivere come installare il disco fisso, come installare la scheda video, ecc.
Questo stratagemma permetterebbe ai motori di ricerca di posizionare i segmenti dei tuoi video in base alle corrispondenze delle query.

Nello screenshot qui sotto, puoi vedere come Google suggerisce di guardare una parte del video più rilevante per la query.

Segmento del video che risponde alla query di ricerca.

 

Segmento del video che risponde alla query di ricerca.

 

Crea manualmente i sottotitoli per i tuoi video scrivendo semplicemente ciò che viene pronunciato, o usa uno strumento come 3Play Media, Amara, o Cielo24 per generarli automaticamente.

Traduci i sottotitoli in più lingue per far sì che il tuo video sia trovato in diverse parti del mondo.
Puoi usare la traduzione automatica o puoi tradurre per conto tuo per evitare interpretazioni errate dovute al contesto culturale.

Per aggiungere i sottotitoli al tuo video, accedi a YouTube Studio. Seleziona Sottotitoli dal menu di sinistra, scegli il video, clicca su Aggiungi lingua e su Aggiungi Sottotitoli.

Carica i CC come file (clicca su Upload file ---> scegli tra With timing o Without timing ---> scegli un file di formato appropriato ---> Save), generali con la funzione Auto-sync, o digitali manualmente.

Sottotitoli con Youtube Studio.

 

Sottotitoli con Youtube Studio.

 

Nota: se usi la sincronizzazione automatica, il testo pronunciato deve essere supportato dalla tecnologia di riconoscimento vocale di YouTube e la qualità dell'audio deve essere abbastanza alta da farlo riconoscere all'IA.

 

Aggiungi il timestamp

Aggiungere il timestamp per i video lunghi aumenta il coinvolgimento, aiuta gli utenti a navigare le sezioni del video e Google ad indicizzare le parti come risultati di ricerca per determinate query.

Immagina di avere un video sulla ricerca delle parole chiave, diviso in diversi segmenti: come cercare le parole chiave, come calcolare il kpi delle parole chiave, come calcolare il KEI delle parole chiave.
Se un utente cerca "come calcolare il KPI delle parole chiave", Google mostrerà il segmento corrispondente del tuo video come risultato della ricerca, magari come snippet in primo piano.

 

Come aggiungere i timestamp al tuo video su YouTube?

Quando modifichi il tuo video su YouTube, puoi aggiungere un elenco di timestamp e i loro titoli corrispondenti nella casella Descrizione nella pagina Aggiungi dettagli.

Sottotitoli al timestamp corrispondente.

 

Sottotitoli al timestamp corrispondente.

 

Assicurati che:

  • Il primo timestamp inizi a 00:00. Se è un'introduzione, puoi mantenere il nome Intro.
  • Il tuo video abbia almeno tre timestamp elencati in ordine crescente.
  • La lunghezza di un capitolo (un segmento del video compreso tra due timestamp) sia uguale o superiore a 10 secondi.

 

Assegna un nome ai tuoi timestamp, applicando parole chiave al contenuto dei capitoli in modo da facilitare il posizionamento a livello di capitolo.


3. Migliorare la fidelizzazione

La fidelizzazione del pubblico è la quantità di tempo che uno spettatore trascorre guardando il tuo video.
Dato che YouTube dà priorità a video lunghi (più lungo è un video, più pubblicità YouTube può metterci), il tuo obiettivo è quello di far sì che i tuoi spettatori si intrattengano il più possibile, mantenendo attenzione e interesse.

Una ricerca di Backlinko suggerisce che i video più lunghi battono quelli più brevi quando si tratta di fidelizzazione.
In realtà, non esiste una lunghezza ideale per un video da classificare - basta fornire valore agli spettatori e incoraggiare la loro attività.

Per far sì che le persone guardino, apprezzino e commentino il tuo video, devi fare ciò che segue:

  • Cattura subito l'attenzione del tuo spettatore e vai al nocciolo della questione senza chiacchiere iniziali.
  • Cambia l'ambientazione. Gli spettatori si annoieranno se rimani fermo per tutto il video. Considera l'aggiunta di effetti speciali, cambiando i luoghi, o usando uno schermo verde per uno sfondo dinamico.
  • Aggiungi i cliffhanger, ovvero, momenti di tensione altissima iniziali. Inizia a parlare del tuo prossimo video e aggiungi un po' di umorismo.
  • Ricorda, non devi sembrare un robot. Sii emotivo e dinamico.
  • Controlla le metriche di visualizzazione almeno una volta al mese.

Così facendo, puoi individuare le parti più deboli e correggere il tiro.
Quando controlli il tuo rapporto di fidelizzazione del pubblico di YouTube, concentrati su dove gli spettatori interrompono la visualizzazione.
Considera l'aggiunta di note, schede e altri elementi che attirano l'attenzione.

Fidelizzazione su Youtube.

 

Fidelizzazione utenza con Analytics.


4. Coinvolgimento

Il coinvolgimento del pubblico aumenta la diffusione organica: se gli spettatori sono attivi nei commenti e cliccano su altri video del tuo canale, l'algoritmo di YouTube inizierà a consigliare i tuoi filmati a una gamma più ampia di persone.

Aggiungi un link nella schermata finale del tuo video per incoraggiare l'interazione.
Mettendo un link alla fine del tuo video puoi ricordare ai tuoi spettatori di iscriversi o, per esempio, suggerire di guardarne un altro.

Fai una domanda diretta per coinvolgere gli spettatori in una conversazione.
Considera di chiedere l'opinione del tuo pubblico su un argomento che piace o disapprova, oppure, incoraggiali a farti domande.
Gli utenti devono interagire.

Sii attivo nei commenti e mostra apprezzamento verso i tuoi spettatori.
Le persone sono più propense ad interagire quando hanno la sensazione di appartenere ad una comunità. Quindi, mostra al tuo pubblico che apprezzi la loro attività e parlaci direttamente.

Aggiungi le Schede al tuo video per aumentare l'interattività e promuovere il tuo brand così come altri tuoi filmati.
Le schede appaiono tramite la piccola icona "i "nell'angolo superiore destro di un video:

Icona per mostrare le schede.

 

Icona per mostrare le schede.

 

Le schede su Youtube.

 

Sono mostrate massimo cinque schede.

Le schede possono essere dei seguenti tipi:

  • Promuovere un video
  • Promuovere una playlist
  • Schede canale per rimandare a un altro canale
  • Schede link per collegarsi ad un sito web, promuovere materiale concesso in licenza e per incoraggiare i tuoi spettatori a sostenere la creazione di video.

Iscrizione canale Youtube.

 

Pulsante di iscrizione al canale di Youtube."


5. Condividi il video attraverso i tuoi canali social

Anche se la SEO su YouTube è importante, non è l'unico modo per ottenere traffico verso il tuo video. Secondo l'ultimo rapporto di Hubspot, Facebook è utilizzato dal 70% dei video marketer (il secondo dopo YouTube con l'87%). In un sondaggio di febbraio 2019, circa il 50% degli utenti statunitensi su Facebook e Snapchat ha ammesso di utilizzare questi social per guardare video.

Il Covid-19 ha solo fatto crescere questa percentuale, ecco perché social come Facebook e Instagram possono essere la migliore piattaforma pubblicitaria per i tuoi video YouTube. Inoltre, su più canali condividi il tuo video, migliore sarà il posizionamento su Google.

 

Crosspost

Condividi il link al tuo video di YouTube su più social per ottenere segmenti diversi di pubblico.
Queste persone potrebbero anche visitare il tuo canale YouTube e guardare altri contenuti.

Lo svantaggio del crossposting è che gli algoritmi di YouTube non contano le visualizzazioni se un video viene visto su piattaforme differenti: un video popolare su Facebook o Twitter conta poco in termini SEO di YouTube.

Puoi comunque provare a incoraggiare il tuo pubblico a seguire il link.
Oppure, se il tuo obiettivo finale è quello di promuovere il video, non il canale YouTube, caricalo direttamente sulla piattaforma come nativo e aggiungi un link al tuo canale YouTube nella descrizione.
Le piattaforme Social tendono a classificare i video nativi molto meglio di quelli crosspostati.

Facebook, per esempio, ti fornirà suggerimenti per l'ottimizzazione e profilazione.
I parametri necessari includono la lunghezza (non meno di 3 minuti), la qualità (HD minimo), il titolo, la descrizione, i tag, la miniatura, sottotitoli, ecc.

 

Opzioni per pubblicare un video su Facebook.

 

Opzioni per pubblicare un video su Facebook.

 

Incorpora i link nei post del blog, nelle e-mail e nelle schede.

I link di Youtube non sono fattore di ranking.
Tuttavia, le tecniche di link-building ai tuoi video possono migliorare il fattore SEO su YouTube in generale.

Considera la possibilità di inserire i tuoi video nei post del blog.
Così facendo, puoi aumentare significativamente la possibilità di apparire nei risultati organici di Google.

Evidenzia i tuoi video nelle campagne email.
Invita altre persone a condividere i tuoi video mettendo in evidenza i link da incorporare nelle schede e nella descrizione.


6. Costruire l'autorità

Il riconoscimento del brand è uno dei fattori più importanti nella ricerca. Se ad un utente sono offerti diversi risultati di ricerca apparentemente simili, la prima cosa che egli farà sarà cercare di riconoscere qualcuno tra i canali.
A tal fine, costruisci un canale di cui gli utenti possano fidarsi.

 

Riconoscimento del brand su Youtube.

 

Riconoscimento del brand su Youtube.

 

Ecco alcuni consigli che permetteranno al tuo canale di guadagnare credibilità e fiducia:

  • Avere un nome unico e riconoscibile per il tuo marchio;
  • Aggiungere un'icona ad alta qualità del canale sui tuoi video;
  • aggiungi link e contatti all'intestazione della tua homepage;
  • crea un breve trailer sul tuo canale;
  • Sii autentico e originale nella tua auto-rappresentazione.

7. Monitorare le tue prestazioni

YouTube Analytics è d'obbligo per migliorare la SEO di YouTube.
YouTube Analytics include metriche come demografia, fonti di traffico, statistiche di coinvolgimento e di ricerca e molto altro.

metriche di youtube analytics

Il rapporto copertura mostra le prestazioni generali dei tuoi video: fonti di traffico, impressioni e clic.
Fai attenzione al click-through-rate: se ottimizzi bene i tuoi video, il CTR sarà più alto.

Un CTR medio per la media di tutti i video di YouTube è tra il 2% e il 10%.
Non analizzare il CTR il giorno dopo aver caricato il video, perché trattasi di una metrica a lungo termine.

Analizza il CTR insieme alla durata media di visualizzazione per capire come gli spettatori guardano i tuoi video.
Un alto valore di CTR e una bassa durata di visualizzazione significano che la tua miniatura e il tuo titolo potrebbero essere incoerenti.
Un basso valore di CTR e un'alta durata di visualizzazione possono essere indicatori del fatto che le tue miniature non sono accattivanti, o che i tuoi video sono consigliati ad un pubblico diverso da quello di destinazione.

Il rapporto Coinvolgimento ti mostrerà i video e le playlist migliori, e gli elementi principali dei video sul tuo canale, in modo che tu possa confrontare l'ottimizzazione degli elementi migliori con quelli che restano indietro.

Il rapporto Pubblico ti aiuterà a scoprire gli interessi e le abitudini dei tuoi spettatori.
Otterrai un sacco di consigli su come classificare i video per il tuo pubblico di riferimento.

 

Analisi metrica su Youtube Analytics.

 

Analisi metrica su Youtube Analytics.

 

Collegare YouTube Analytics a Google Analytics ti permetterà anche di monitorare le transazioni e le conversioni.


Conclusioni

La SEO di YouTube può sembrare complicata ma non lo è.
Sii parsimonioso nell'uso del TAG perché ne servono meno di quello che pensi.

Non inventarti nulla e come sempre evita di ripetere all'infinito le parole chiave.
Per fare decollare il tuo canale ci vuole tempo, lo stesso che necessitano gli spettatori per darti fiducia.

Come sempre, quello che conta è l'interesse.
Avrai successo solo se sarai interessante. Tutto il resto sono chiacchiere.

Se hai consigli da aggiungere, scrivili nei commenti o contattami in qualche modo che li includo nel post citandoti.

 

Write comments...
symbols left.
or post as a guest
Loading comment... The comment will be refreshed after 00:00.

Be the first to comment.

Andrea Giudice Esperto seo e consulente google ads itlaiaAndrea Giudice, esperto SEO e consulente Google ADS

Contattami subito senza impegno per un analisi al tuo sito o per dare vita ad un progetto in rete

Chiedi una consulenza

Contatti

Scegli il tuo piano SEO

 

Andrea Giudice su Facebook Andrea Giudice su Twitter Andrea Giudice su linkedin Andrea Giudice su instagram Il feed del blog di Andrea Giudice esperto seo freelance

Abbiamo 89 visitatori e nessun utente online

Ultimi commenti