Post vari

1977: i Rockets pubblicano Space Rock

Ma cosa dice la frase cantata con Talk Box durante il brano?


Era il 1977 quando i Rockets pubblicarono Space Rock.
Ricordo che acquistai l'EP: un vinile formato 33 giri, che suonava a 45 giri (non ti preoccupare, tu ascolta MP3 o Wave e avrai meno problemi a meno che tu non sia uno di loro)

Sul lato B del disco c'era anche il brano "Don't be sad" ma sul lato A... cavoli, ragazzi, c'era Space Rock, il pezzo che mi ipnotizzava tutti i giorni mentre cercavo disperatamente di capire cosa diceva la frase tormentone ricorrente, cantata tramite Talk Box.

Ascolta un estratto:

{s5_mp3}spacerock.mp3{/s5_mp3}

(MP3 diretto)

Ebbene, di recente (il giorno 1.5.2014), Fabrice Quagliotti, lo storico tastierista del gruppo, mi ha svelato il mistero.
Alla mia domanda "Fabrice, a distanza di quasi 40 anni, ti pongo una domanda che mi assilla da SEMPRE: cosa dice la voce simulata con Talk Box, in Space Rock??"
La frase ricorrente del brano Space Rock dei Rockets, dice esattamente:

Somebody sometime got to be free

Ovviamente, la comprensibilità è estremamente compromessa dal talk box ma... si, ci sta.

Grandissimo.
Ora, per strada, non canterò più "Uova alla Cocca"

 

Andrea Giudice Esperto seo e consulente google ads italia

Andrea Giudice, esperto SEO e consulente Google ADS

Contattami subito senza impegno per un analisi al tuo sito o per dare vita ad un progetto in rete

Chiedi una consulenza

Contatti

Abbiamo 380 visitatori e nessun utente online

Badge Linkedin

Ultimi commenti

Login