Post vari

Poesia da spiaggia, Sicilia

D'un tratto, mi giunse all'orecchio il nome del bambino la cui mamma sicula strillava a centro spiaggia: CHEVIN.
Si. Chevin.

E poi, le strade con le buche, i paesi diroccati, i cani randagi e le case mai terminate.
La bellezza di quest'isola con "il vulcano buono".

Ma perché "Chevin", mi dissi.
Forse perché la sorellina si chiamava SamanDa?

L'universo giocava con me, conclusi.

Mi voltai e continuai a vivere come se nulla fosse.

Andrea Giudice Esperto seo e consulente google ads italia

Andrea Giudice, esperto SEO e consulente Google ADS

Contattami subito senza impegno per un analisi al tuo sito o per dare vita ad un progetto in rete

Chiedi una consulenza

Contatti

Abbiamo 268 visitatori e nessun utente online

Badge Linkedin

Ultimi commenti

Login