Post vari

Oggi caccia al tesoro con tre Metal Detector. Test su strada

Giornata dedicata al metal Detecting.
In prova tre apparecchi:

tre metal detector

La mia esperienza in fatto di metal detecting si basa sul CS200. Lo conosco al punto da poterci lavorare per ore e continuare a trovare oggetti.
Un po' basso di volume (non so se il nuovo modello è stato migliorato) e il connettore del cavo coassiale che collega la piastra alla centralina è un po' debole (un DIN pentapolare).
Di recente modificato, ho sostituito quel connettore con uno a ghiera metallica e modificato il circuito in modo da ascoltare il segnale acustico anche in condizioni di rumore ambientale.

Leggero, comodo da trasportare e reattivo.
Manca di una funzione che nei Garrett trovo miracolosa: il pin point: premendo un pulsante, si centra l'oggetto interrato in modo precisissimo.

La discriminazione lascia un po' a desiderare: segnala di tutto e tornando sull'oggetto, l'indicazione difficilmente sarà uguale alla precedente, ovvero, una volta segnala un tappo, tornando segnala una moneta.
E' praticamente impossibile da usare su sabbia bagnata ma ha una perfetta reiezione ai terreni fortemente mineralizzati.
Lo consiglierò per sempre come modello per impratichirsi.
Il rapporto qualità prezzo è più che abbordabile. Non lamentiamoci.

Passiamo al vecchio Garrett 300, non più in produzione.
In questa foto, il mio compagno di ricerche in azione con quel modello.

Valter Prati

Valter possiede una conoscenza di questo metal detector impressionante e lo usa con grande soddisfazione da anni.
Una volta impostato, egli parte e si ferma solo su oggetti di interesse, come il ritrovamento di questa moneta antica (epoca Vittorio Emanuele II) che ha rivisto luce proprio oggi in questa torrida giornata di Agosto.

Valter scava

Moneta antica

Controlli analogici: con due manopole si fa tutto ed egregiamente. Ottima discriminazione.
Come per il CS200, quindi, è necessario prenderci la mano e Valter dimostra di saperci fare: nella sua carriera di M.Detecting ha trovato davvero di tutto, tesori compresi.

Passiamo al mio GTI 2500 di recente acquisto.
Non avendo ancora pratica del funzionamento nella giungla di impostazioni disponibili, mi sono limitato a trovare ferracci come punte spaccate di aratro, chiodi e pezzi metallici non bene identificati.
L'uso del GTI 2500 non è semplice e la giornata è stata dedicata allo studio dell'apparecchio.
Dopo circa un'ora ho iniziato a comprendere alcune funzioni e a scartare relitti ferrosi. Di monete, purtroppo, neanche l'ombra. :)
Il manuale non è molto d'aiuto. Lo trovo un po' mal fatto.

Relitti ferrosi

Di sicuro il divertimento c'è stato e il caldo pure: 42 gradi sotto il sole, in un campo arido e stepposo.
In spiaggia è diverso. Se hai caldo, ti butti in acqua.

 

Display GTI 2500

 

PS: non rispondo all'articolo su Facebook. Commentate qui sotto.

 

Andrea Giudice Esperto seo e consulente google ads italia

Andrea Giudice, esperto SEO e consulente Google ADS

Contattami subito senza impegno per un analisi al tuo sito o per dare vita ad un progetto in rete

Chiedi una consulenza

Contatti

Abbiamo 372 visitatori e nessun utente online

Badge Linkedin

Ultimi commenti

Login