Archivio post
Registrati

Essere primi su Google!

Esistono aziende e persone che vivono l'illusione il cui proprio sito sia ben posizionato sui motori di ricerca.
Chiedete a qualcuno che possiede un sito se è visibile in rete; il 99% delle volte risponderà: "Sono in prima pagina".

Riporto l'episodio che mi ha dato l'idea di pubblicare questo post.
Nella mia città, un mio amico gestisce una carrozzeria e possiede un sito web: http://carferrari.it

Stando a quello che mi dice Daniele, il suo sito è in prima pagina su Google. Addirittura, salta fuori nella prima riga della prima pagina.
Effettivamente, se andiamo su Google e digitiamo carferrari.it, il sito è primo nei risultati.
Ma cos'è c'è di sbagliato in questa asserzione?
Semplice: digitando carferrari.it, andiamo a chiamare direttamente il dominio che sarà unico in tutto il mondo. Non potrà esserci un altro www.carferrari.it in tutta Internet.

Può accadere però che un cittadino di Novi Ligure necessiti di servizio carrozzeria e sui motori di ricerca digiti: Carrozzeria a Novi Ligure.
Purtroppo, per la carrozzeria Ferrari, questa chiave di ricerca, ad oggi non trova www.carferrari.it nelle prime cento pagine di Google.
Ma Google non è un solo motore di ricerca per i siti bene o male posizionati. E' un servizio che si evolve soprattutto per gli utenti ed ecco che con quella chiave effettivamente il sito del mio amico Daniele appare in terza riga, nella sezione Google Map.
Qualcuno quindi ha avuto il buon senso di inserire www.carferrari.it in Google Places altrimenti la visibilità era completamente compromessa.

Esistono però siti la cui tematica non richiede una collocazione geografica.
Ad esempio, questo blog non necessita di Google Places e digitando il suo vero nome-chiave (che non è ovviamente www.andreagiudice.eu ma "AltrArte Blog") il sito risulta in prima pagina, terza riga (11.8.2012).
Ovviamente, nessuno conoscerà l'esistenza del termine AltrArte e nessuno quindi lo cercherà con il suo nome ma la caratteristica dei blog è quella di farsi conoscere ed apparire per la varietà e la qualità degli articoli pubblicati e non per una chiave singola.

Come si devono cercare quindi i siti in rete?

Non certo con il nome del dominio a meno che questo non rispecchi la chiave di ricerca dello stesso sito e quindi, il servizio che si necessita trovare. Ad esempio, www.carrozzeria-noviligure.it
La chiave di ricerca va studiata e pianificata a dovere perchè una volta scelta non andrà più cambiata (specie se presente nel dominio di secondo livello, pena la completa ristrutturazione del sito on page e off page).

Torniamo alla carrozzeria

Un utente potrebbe anche non digitare il nome della città durante la ricerca ma chiedere a Google "servizio carrozziere" oppure "riparazione in carrozzeria" e, seguendo sempre l'esempio precedente, la visibilità di www.carferrari.it risulta nuovamente persa.
Ecco cosa significa fare SEO: portare in prima pagina un sito con una chiave di ricerca, trovata e studiata attentamente in base particolari criteri e formule matematiche.

Logo 1 SEOQualche esempio

Ora (per farmi un po' di pubblicità) porto tre esempi di applicazione SEO a cui sto lavorando.

www.alessandrogioielli.eu è una gioielleria di Valenza che mi ha assoldato per portare in prima pagina il loro sito.
La chiave di ricerca è Acquisto oro.
Ad oggi, appare in prima pagina, ottava riga. Il SEO è iniziato meno di due mesi fa, partendo da oltre la centesima pagina (praticamente invisibile).

Giancarlo De Vincentis offre servizio come voce speaker. Il sito è www.giancarlodevincentis.com
Quindi, su Google digitiamo Voce Speaker e lo troveremo in prima pagina, terza riga (oscillante con la prima e la seconda).

Sono disegnatore e quest'anno ho deciso di mettere online le mie strisce. Potevo esimermi dall'attività SEO su questo mio sito?
www.pulpi.it è il dominio che riflette il nome del personaggio illustrato nelle mie strisce.
Ovviamente, non digiteremo Pulpi nelle ricerche perchè noi ignoriamo l'esistenza di un personaggio con quel nome.
Su Google digiteremo Disegni personaggio e scopriremo che www.pulpi.it appare in prima pagina, prima riga con fluttuazioni sulla seconda e terza.

A che serve un sito web se poi non è visibile?

Pensateci: vi siete fatti realizzare un sito stupendo ma nessuno potrà mai vederlo perchè per i motori di ricerca non esiste.
Certo, con il tempo prima o poi verrà scovato da Google, Yahoo o Bing ma potrebbero passare mesi o anni.

Se volete farvi realizzare un sito web da qualcuno, pretendete che costui insista sulla chiave di ricerca che contraddistinguerà tutto il sito: dominio e pagine interne (anche se per il nome del dominio nutro qualche riserva).
Quando il lavoro sarà terminato e vi accorgerete che il sito non apparirà in rete, inizierete a sentire la necessità di posizionarlo, è inevitabile, e tutto il lavoro facilmente dovrà essere nuovamente pianificato.
Volete esporre una vetrina, essere visibili in rete. Il vostro sito dovrà apparire nelle ricerche.
Pare una banalità ma spesso questo aspetto è sottovalutato.

Un po' di FAQ?

La domanda tipica che mi viene posta dopo quanto descritto è: "E se due aziende propongono la stessa attività e quindi stessa chiave"?
Un buon SEO non apporrà mai la stessa chiave di ricerca a due siti che offrono la stessa tipologia di servizio. Potrebbe invece accadere che la stessa chiave venga assunta da due SEO diversi a due siti differenti.
In questo caso entrano in gioco molti fattori, in primis la bravura dei SEO assunti.
E se due SEO sono bravi in ugual misura? (Ovvero, chi è bravo esattamente come me? Ovviamente, me stesso)
Ebbene, se lo stesso SEO assegna una chiave identica a due siti, subentrano ancora altri fattori come l'anzianità del dominio o chi dei due siti è soggetto a più traffico.

Come si svolge l'attività SEO su un sito? Ovvero: "Come fai"?

E' sufficiente pensare che il numero di fattori che influenzano il corretto posizionamento di un sito sono ad oggi sono quasi 200.
C'è da lavorare almeno un anno su ogni sito e quando per scelta del cliente si interromperà la SEO attività, la chiave subirà la concorrenza e lentamente il sito web inizierà a scendere nelle serp.

Esiste poi la categoria di aziende presenti unicamente su social network come Facebook e che rifiutano un sito web "perchè tanto la clientela è solo la" ma di questo parlerò in un altro post.

Aggiungi commento


Abbiamo 98 visitatori e nessun utente online

Login

Register

You need to enable user registration from User Manager/Options in the backend of Joomla before this module will activate.