Archivio post
Registrati

Aumentare la vita media delle lampade a basso consumo

In un precedente post descrivevo una verità un po' troppo nascosta di queste lampade a basso consumo, sia a LED che neon: la durata brevissima per danno nello stadio alimentazione interno.
Avevo promesso di pubblicare un'efficace soluzione per evitare di spendere i soldi risparmiati in energia nella sostituzione delle lampade.

Il punto

Gli alimentatori di queste lampade saltano principalmente per due motivi: sovratemperatura e sbalzi di tensione (spike) creati anche da frequenti accensioni / spegnimenti.
Per il primo non ci sono molte soluzioni. La lampadina non dovrebbe surriscaldarsi, quindi, una plafoniera chiusa e senza prese d'aria ridurrà drasticamente la vita del sistema.
Per il secondo, invece, la soluzione c'è.

Questo banale schema elettrico è un circuito realizzabile anche su mille fori e da collocare all'interno del lampadario.

Schema Salvalampadine

Il fusibile in ingresso compie già il 90% del lavoro. Se interviene, la lampada è salva.
Il ponte a diodi che segue il fusibile "sostituisce" quello interno alla lampadina: quattro diodi da 1A , 1000v (1N4007) sono sicuramente meglio di quelli in smd montati all'interno della virola.
In pratica, invieremo una tensione già raddrizzata e continua alla lampadina. Il suo ponte interno avrà poco da lavorare.

La grossa resistenza da 20W svolge diverse funzioni.
La prima, in unione al condensatore da 22uF crea un softstart all'accensione. La tensione salirà con una rampa di ritardo in ingresso, dando tempo ai circuiti interni nella virola di stabilizzarsi in tensione e temperatura.
La seconda funzione, molto importante, è il filtro RC creatosi che impedirà ai vari Spike di raggiungere la lampada.
Per ultimo, la tensione ai capi della lampada sarà leggermente inferiore al previsto di solo 5 o 6 volt. In questo modo la luce sarà impercettibilmente inferiore ma la vita della lampada aumenterà in modo smisurato.
A valle del circuito, in parallelo alla lampada, c'è uno scaricatore che toserà tutti i picchi superiori a 400v. La resistenza impedisce quindi anche l'esplosione dello scaricatore in presenza di improvvisa sovra tensione, dando tempo al fusibile di intervenire.

La modifica che vedete in queste due foto è stata applicata al lampadario in ingresso di casa mia, situazione in cui accensioni e spegnimenti troppo frequenti sarebbero causa di assidue sostituzioni dei tubi luminosi.

Modifica lampadario ingresso

Un altro lampadario al quale ho applicato la modifica è quello del bagno. Mediamente una volta ogni sei mesi avveniva la sostituzione della lampada.
Dopo la modifica, la vita media della lampadina ha passato i due anni.

Modifica lampadario bagno

Modifica lampadario bagno

 

PS: non rispondo su Facebook. L'invio delle news è automatico e non consulto eventuali risposte. Commentate l'articolo qui sotto.

 

Commenti   
0 # mauro 2016-05-17 18:47
fico!
vale anche per le lampadine a Led???
grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione | Segnala all'amministratore
Aggiungi commento


Abbiamo 78 visitatori e nessun utente online

Login

Register

You need to enable user registration from User Manager/Options in the backend of Joomla before this module will activate.